INPS, Messaggio n. 2901 del 21/07/2020 – Chiarimenti su termini decadenziali domande CIGO, ASO, CISOA e CIGD per COVID-19

Col messaggio 2901 del 21/07/2020 l’INPS chiarisce i termini decadenziali per l’invio delle domande di trattamenti CIGO, ASO, CISOA e CIGD legati all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il D.L. n. 52/2020, oltre a stabilire termini di trasmissione più stringenti per l’invio delle istanze (entro la fine del mese successivo quello in cui ha avuto inizio la sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa), ha previsto anche un regime decadenziale per la presentazione delle domande relative ai trattamenti di cassa integrazione guadagni ordinaria (CIGO), assegno ordinario (ASO), cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA) e cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD).

In sede di prima applicazione, l’invio delle domande pregresse è stato fissato al 17/07/2020 se tale data era posteriore al termine ultimo per la presentazione delle istanze.

Tuttavia, l’Istituto tiene a precisare che il termine decadenziale non opera in assoluto, ma solo con riferimento al periodo oggetto della domanda rispetto al quale la decadenza è intervenuta. Pertanto, il datore di lavoro può inviare una domanda diversa riferita a un periodo differente.

Pertanto, nel caso di istanze di trattamenti di CIGO, ASO, CISOA e CIGD respinte per decadenza, le aziende potranno presentare una domanda per un periodo differente di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa. Ovvero, tramite il servizio “Comunicazione bidirezionale” del Cassetto previdenziale, potranno chiedere la revisione del provvedimento di reiezione, chiedendo l’accoglimento parziale dell’istanza già inviata, limitatamente ai periodi per i quali non risulti operante il regime decadenziale.

https://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2fMessaggi%2fMessaggio%20numero%202901%20del%2021-07-2020.htm