INPS, Circolare n. 99 del 03/09/2020 – Congedi COVID – 19 – Modalità operative fruizione oraria

La circolare INPS n. 99 del 3/09/2020 tratta delle modifiche apportate dalla legge n. 77, del 17/07/2020, di conversione del D.L. 34/2020, alla normativa emergenziale sui congedi per l’accudimento di figli minori e sui permessi di cui all’art. 33 della L. 104/92.

I congedi per l’accudimento di figli minori fino ai 12 anni, già incrementati a 30 giorni dal D.L. n. 34, saranno fruibili fino al 31/08/2020 anche da entrambe i genitori, purché in modo alternato, e purché nessuno dei due fruisca di forme di sostegno al reddito legate all’emergenza epidemiologica in atto. Il limite dei 12 anni non vale per i genitori di figli disabili di cui all’art. 4, comma 1, L. 104/1992.

Fermo restando che i congedi in parola riguardano i lavoratori dipendenti del settore privato, i lavoratori iscritti alla gestione separata ed i lavoratori autonomi iscritti all’INPS, la fruizione oraria degli stessi è ammessa invece, per i soli lavoratori dipendenti del settore privato, ed interessa le domande aventi ad oggetto la fruizione del congedo dal 19/07/2020 al 31/07/2020.

La fruizione oraria non modifica la fruizione alternata tra i genitori né l’indennizzo del congedo di cui trattasi, che rimane in misura giornaliera.

La fruizione oraria dunque, deve essere ricondotta ad una giornata intera di congedo. Pertanto, se le ore che compongono un giorno di congedo COVID-19 sono fruite su più giornate di lavoro, sarà indennizzato 1 giorno di congedo COVID-19 all’interno di un arco temporale di riferimento (dalla data x alla data y) nello stesso mese solare.

La fruizione oraria del congedo COVID-19:

è compatibile solo con la fruizione oraria del congedo parentale dell’altro genitore, nelle medesime giornate ma senza che si sovrappongano. Lo stesso genitore, nella medesima giornata, può fruire del congedo COVID-19 ad ore e del congedo parentale ad ore.

E’ compatibile con i riposi giornalieri della madre o del padre fruiti nella stessa giornata dal richiedente o dall’altro genitore.

E’ altresì compatibile con la fruizione dei permessi ex art. 3 e 6 della L. 104/1992, nonché col prolungamento del congedo parentale ex art. 33 D.Lgs. 151/2001 e col congedo straordinario di cui all’art. 42 comma5 dello stesso decreto legislativo.

Vengono confermate le condizioni di compatibilità e incompatibilità col bonus Baby sitting esposte nella circolare n. 81/2020, ossia:

  • in assenza di qualsiasi domanda di bonus presentata da uno dei due genitori è possibile fruire di un massimo di 30 giorni di congedo COVID-19;

 –       in presenza di una o più domande di bonus baby-sitting per un importo pari o inferiore a 600 euro, presentate da uno o da entrambi i genitori, è possibile fruire di un massimo 15 giorni di congedo COVID-19;

–      in presenza di una o più domande di bonus baby-sitting per un importo superiore a 600 euro, presentate da uno o da entrambi i genitori, non è possibile fruire di congedo COVID-19.

Nella medesima circolare, l’Istituto fornisce le istruzioni di compilazione per le denunce Uniemens, per i periodi interessati dalla fruizione dei congedi compresi tra il 19/07/2020 ed il 31/08/2020.

https://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2fCircolari%2fCircolare%20numero%2099%20del%2003-09-2020.htm