INPS, Circolare n. 12 del 5/02/2021 – Gestione separata – Aliquote, minimali e massimale

Con la circolare in argomento l’Istituto fornisce le aliquote contributive per le varie categorie di soggetti rientranti nella Gestione separata, nonchè il massimale retributivo di cui alla L. n. 335/1995 e i minimali di contribuzione.

Per quanto riguarda le aliquote, rimangono immutate ad eccezione di una nuova aliquota posta a carico dei soggetti esercenti le attività di cui al comma 1 del D.P.R. n. 917/1986, prevista al comma 386 della Legge di bilancio 2021 per l’erogazione dell’indennità di continuità reddituale (Iscro), per i soggetti non iscritti ad altra Gestione di previdenza né pensionati.

Si tratta di un incremento dello 0,26% per l’anno 2021 che negli anni 2022 e 2023 diventerà dello 0,51%. Pertanto per tali soggetti, la nuova aliquota si assesta al 25,98%.

Per tali soggetti, aumenta anche il minimale contributivo che viene fissato in euro 4.144,59, mentre rimangono invariati gli altri minimali contributivi rispetto lo scorso anno.

Invariato anche il massimale retributivo di cui alla L. n. 335/1995 che, come l’anno scorso, viene confermato in euro 103.055,00.

Confermata anche la ripartizione dell’onere contributivo tra committenti e collaboratori, nonchè l’applicazione delle aliquote dell’anno precedente per le somme erogate entro il 12 gennaio purchè afferenti l’anno 2020.

All’interno della circolare sono presenti le tabelle riepilogative.

https://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%2012%20del%2005-02-2021.pdf