FSBA – La regolarizzazione contributiva rateale slitta al 2022

Con comunicato stampa del 15/01/2021, l’FSBA (Fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato) informa del differimento dell’avvio delle operazioni per la regolarizzazione contributiva delle aziende inadempienti, da gennaio 2021 a gennaio 2022, come richiesto dalle organizzazioni sindacali istitutive, per il perdurare dello scenario pandemico.

L’assunto per cui le integrazioni speciali da Covid-19 non sono basate sulla contribuzione previdenziale, ma sulla fiscalità generale, non esimono le aziende dall’obbligo contributivo stabilito dalla legge a partire dal 2015.

Per accedere ai trattamenti erogati dall’Ente, compreso l’assegno ordinario (ad eccezione di quello con casuale Covid-19) in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per 20 settimane nell’arco del biennio mobile, i datori di lavoro irregolari devono provvedere a regolarizzare la loro posizione contributiva (36 mesi) a rate nell’arco di 36 mesi, senza interessi o penali.

http://www.fondofsba.it/public/Contenuto/COMUNICATO_STAMPA_FSBA_15_01_2021.pdf