Esonero contributivo turismo, commercio, cultura e spettacolo – Circolare INPS

Con la Circolare n.  169 dell’11/11/2021 l’INPS fornisce integrazioni al contenuto della precedente Circolare n. 140/2021, a seguito di integrazioni e modifiche apportate dalle L. n. 106/2021, di conversione del DL n. 73/2021.

In particolare, sono stati aggiunti dei codici ATECO per l’estensione dell’agevolazione ad altre attività, come da parere del Ministero del Lavoro, a seguito dei termini dell’autorizzazione della misura da parte della Commissione Europea.

Pertanto, l’ambito di applicazione dell’esonero in trattazione è determinato dai codici ATECO elencati nell’Allegato n. 1 della circolare n. 140/2021, nonché dai codici di seguito riportati:

  • 59.14 attività di proiezione cinematografica;
  • 93.21.00 parchi di divertimento e parchi tematici;
  • 91.02.00 attività di musei;
  • 91.03.00 gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili;
  • 91.01.00 attività di biblioteche e archivi;
  • 91.04.00 attività degli orti botanici e delle riserve naturali.

L’Istituto ribadisce che possono accedere all’esonero tutti i datori di lavoro privati, la cui attività sia contraddistinta dai Codici ATECO summenzionati, anche se non rivestono la qualifica di imprenditore.

Escluse invece, tutte le pubbliche amministrazioni.

L’importo dell’esonero in esame è pari, ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, al doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021, con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’INAIL. L’esonero è riparametrato e applicato su base mensile ed è fruibile per il periodo di competenza 26 maggio 2021 – 30 novembre 2021.

Pertanto, l’esonero si sostanzia nel calcolo della contribuzione datoriale non versata in relazione al doppio delle ore dei trattamenti di integrazione salariale utilizzati nei mesi citati.

Per i trattamenti di integrazione salariale anticipati dal datore di lavoro e posti a conguaglio, per ciascuna matricola DM e per ciascun lavoratore, per ciascun mese in cui si è avuta la fruizione dei citati trattamenti, il calcolo dell’esonero è il seguente:

aliquota contributiva astrattamente dovuta a carico del datore di lavoro * (retribuzione teorica più ratei / divisore contrattuale rapportato se part-time) * ore di trattamento fruite * 2.

Per i trattamenti di integrazione salariale a pagamento diretto da parte dell’Istituto, per ciascuna matricola DM e per ciascun lavoratore, per ciascun mese in cui si è avuta la fruizione dei citati trattamenti, il calcolo dell’esonero è invece il seguente:

aliquota contributiva astrattamente dovuta a carico del datore di lavoro * (retribuzione oraria indicata nel modello SR41) * ore di trattamento fruite * 2.

Infine, l’INPS comunica la disponibilità dell’istanza on line “SOST.BIS_ES”, propedeutica per l’accesso all’esonero.

Le domande potranno essere inviate entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della presente circolare.

https://servizi2.inps.it/servizi/CircMessStd/VisualizzaDoc.aspx?tipologia=circmess&idunivoco=13588