Contributo e ticket licenziamento – Errata base imponibile – Circolare INPS

Con la circolare n. 137 del 17/09/2021 l’Istituto riepiloga le norme e le modalità di applicazione del contributo dovuto dai datori di lavoro obbligati al versamento del cosiddetto ticket di licenziamento alla risoluzione del rapporto di lavoro dipendente in quanto, alla luce delle verifiche sui versamenti da parte dei datori di lavoro, risultano situazioni in cui la base imponibile non è stata correttamente determinata.

La normativa sul contributo di licenziamento ha subito modifiche che hanno cambiato la metodologia di determinazione del massimale ASpI prima, e NASpI dopo, su cui va calcolata la contribuzione dovuta.

Rimane il fatto che la stessa deve essere calcolata sul massimale comunicato annualmente dall’Istituto.

Il contributo deve essere determinato per intero anche nel caso di rapporti di lavoro part-time. Solo nel caso di rapporti di lavoro di durata inferiore all’anno dovrà essere riparametrato ai mesi di effettivo lavoro prestato.

Nel caso di licenziamento collettivo, occorre distinguere tra:

  • aziende che non rientrano nell’ambito di applicazione della CIGS: nel caso di licenziamento collettivo con accordo sindacale = dal 1/1/2017 versano il contributo del 41% sul massimale NASpI per ogni 12 mesi di anzianità aziendale degli ultimi 3 anni; nel caso di licenziamento collettivo senza accordo sindacale =  dal 1/1/2017 versano il contributo del 41% sul massimale NASpI per  ogni 12 mesi di anzianità aziendale degli ultimi 3 anni, moltiplicato per 3.
  • Aziende che rientrano nell’ambito di applicazione della CIGS: nel caso di licenziamento collettivo con accordo sindacale = dal 1/1/2018 versano il contributo del 82% sul massimale NASpI per  ogni 12 mesi di anzianità aziendale degli ultimi 3 anni; nel caso di licenziamento collettivo senza accordo sindacale = versano il contributo del 82% sul massimale NASpI per  ogni 12 mesi di anzianità aziendale degli ultimi 3 anni, moltiplicato per 3.

A seguito degli errori riscontrati nella determinazione della corretta base imponibile per il calcolo del contributo in argomento, l’INPS con apposito successivo messaggio fornirà le istruzioni operative per la regolarizzazione dei periodi di paga scaduti alla data di pubblicazione della circolare in esame.

https://servizi2.inps.it/servizi/CircMessStd/VisualizzaDoc.aspx?tipologia=circmess&idunivoco=11865

Tag:,