Contratto di ricollocazione – Messaggio INPS n. 3050/2021 – Istruzioni operative

Facendo seguito alla Circolare n.. 115 del 2/8/2021 con cui sono state fornite le prime indicazioni sull’esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° luglio al 31 ottobre 2021, col messaggio n. 3050 del 9 settembre 2021, l’INPS comunica che a decorrere dal 15/09 sarà disponibile modulo di istanza on-line “RIOC” per la presentazione delle domande di accesso all’esonero contributivo per le assunzioni effettuate con il contratto di rioccupazione, come previsto dall’articolo 41 del D.L. n. 73/2021, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 106/2021.

L’istanza telematica dovrà necessariamente contenere i seguenti dati:

  • indicazione del lavoratore nei confronti del quale è intervenuta l’assunzione a tempo indeterminato con contratto di rioccupazione;
  • codice della comunicazione obbligatoria relativa al rapporto a tempo indeterminato instaurato;
  • importo della retribuzione mensile media, comprensiva dei ratei di tredicesima e di quattordicesima mensilità;
  • indicazione della eventuale percentuale di part-time nel caso di svolgimento della prestazione lavorativa a tempo parziale;
  • misura dell’aliquota contributiva datoriale oggetto dello sgravio.

Per i lavoratori part-time la retribuzione media mensile da indicare deve essere quella del corrispondente livello full-time, poiché saranno le procedure a riproporzionare l’importo in funzione della percentuale part-time comunicata nell’istanza.

Inoltre, nel caso di variazione in aumento dell’orario di lavoro part-time, l’esonero non potrà superare la soglia dell’importo autorizzato dall’Istituto; invece, nel caso di variazioni in diminuzione dell’orario di lavoro part-time, ovvero di trasformazione in part-time di un rapporto inizialmente instaurato come full-time, il datore di lavoro dovrà riparametrare l’importo dell’esonero autorizzato dall’Istituto al nuovo minore numero di ore di lavoro.

La fruizione dell’incentivo potrà avvenire dopo che l’Istituto avrà quantificato l’importo dell’esonero sulla base dell’aliquota contributiva datoriale comunicata nell’istanza, in quote mensili a decorrere dal mese di assunzione, e per massimo 6 mesi (max euro 500,00 e 16,12 giornalieri), nelle denunce mensili Uniemens.

L’esposizione dei dati relativi la fruizione dell’esonero deve essere effettuata nella sezione <PosContributiva> della denuncia mensile, secondo le indicazioni fornite dall’Istituto nel medesimo messaggio, a partire dal flusso Uniemens di competenza del mese successivo alla pubblicazione del messaggio in trattazione, e per i lavoratori per i quali spetta l’esonero.

Per le agenzie di somministrazione, relativamente alla posizione per i lavoratori assunti per essere impegnati presso l’impresa utilizzatrice (posizione contributiva contraddistinta dal CSC 7.08.08 e dal CA 9A) dovrà essere indicato il numero di matricola dell’azienda presso cui è stato inviato il lavoratore.

Con riferimento ai mesi pregressi (mese di luglio 2021 e fino al mese precedente l’esposizione del corrente), la valorizzazione degli elementi richiesti per il recupero dell’esonero pregresso può essere effettuata esclusivamente nei flussi Uniemens di competenza ottobre, novembre e dicembre 2021.

I datori di lavoro che hanno diritto al beneficio, ma hanno sospeso o cessato l’attività e vogliono fruire dell’esonero spettante, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni.

Nel caso di cessione di lavoratore da un datore di lavoro che stava fruendo dell’esonero, ad un altro datore di lavoro, verificata la legittimità dell’operazione dalla struttura territoriale dell’Istituto, il datore di lavoro subentrante può continuare a fruire dell’esonero residuo.

Sia il datore di lavoro subentrante che il cedente dovranno compilare appositi dati nella denuncia mensile Uniemens.

https://servizi2.inps.it/servizi/CircMessStd/VisualizzaDoc.aspx?tipologia=circmess&idunivoco=11856