Agenzia Entrate – Deducibilità contributi a previdenza complementare

Con risposta ad istanza di interpello n. 589 del 15/09/2021 l’Agenzia delle Entrate precisa che, in base al combinato disposto dell’articolo 10 del Tuir e dell’articolo 8 del D.Lgs. n. 252/2005, non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente i contributi versati alle forme di previdenza complementare, nel limite di euro 5.164,57, anche se versati dal datore di lavoro.

Pertanto, entro la predetta soglia, il sostituto d’imposta, trattenendo l’onere dal cedolino del dipendente:

– deduce i contributi a carico del lavoratore;

– non effettua la ritenuta su quelli a carico del datore di lavoro.